Pagine



MI PRENDERO' CURA DI TUTTI I TUOI SOGNI


LOCRI CALCIO







Non credo di ricordare, almeno a memoria di uomo, un così tanto parlare intorno al calcio femminile e mi riferisco ovviamente ai fatti di Locri. Forse tanto clamore ed esposizione mediatica si è avuta solo dopo l'infame uscita del presidente della lega dilettanti, che tacciò tutte le calciatrici di essere lesbiche sperpera denari, ma la verità è che in realtà quella era un'altra storia.

Si, un'altra storia.

Perché qui in realtà non è il calcio che viene ad essere colpito, quello che viene colpito è l'impegno civile di queste ragazze che si erano spese nel passato più e più volte nel sociale, atlete che si erano impegnate affinché la parità tra i sessi non fosse solo sulla carta, ma anche nei fatti, giovani donne che si sono realmente sforzate di cambiare "la mentalità".

Ecco, io a questo punto non mi scandalizzo piú per il silenzio assordante delle istituzioni calcistiche, penso in tutta onestà che quelle servono a ben poco, a partire dall'attuale presidenza della Federazione Italiana Gioco Calcio che risulta essere una semplice benemerenza data ad un anziano signore facilmente manovrabile. Io da ITALIANO mi vergogno delle istituzioni locali e nazionali, che hanno consentito che ci fosse una tale escalation di minacce, che per arrivare a segno, sono arrivate a mettere nel mirino una bimba di tre anni e mezzo, pur di colpire al cuore chi doveva decidere lo scioglimento della società.

Ora io non so se dietro a tutto ciò c'è realmente la ndrangheta o soltanto un pazzo squinternato, questo non sta me scoprirlo, però io sono certo, che se questa è una nazione che vuole veramente crescere, deve avere dei cittadini che non possono permettersi di ignorare questi segnali, perché fin quando continueremo a non fare squadra con chi si impegna sul territorio, durante il corso della partita e non soltanto a gioco finito, siamo noi stessi a porre le condizioni affinché l'abbiano vinta loro, i mafiosi, i camorristi e tutti quelli che vedono nell'uso della forza e dell'intimidazione il modo più facile per arrivare a rete e onestamente questo a me non sta bene.

Bisogna quindi non solo indignarsi, ma avere il coraggio di dirlo, di sbandierarlo e fin quando ci è possibile, aiutare chi si sottrae a certe logiche.

Evviva la squadra femminile di calcio a 5 di Locri, evviva il suo impegno civile.



5 commenti:

  1. Hai in mente il primo Guardiano che scriveva del sociale? Ecco mi sono ritrovata a pensare questo. Forse questo post è un po' più duro a confronto dei primi. Un ritorno che sembra una rinascita. Scusa se non commento il contenuto ma ho letto questo post da un punto di vista particolare e mi è piaciuto il tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Innanzitutto grazie del commento.
      Io non si se questa è una rinascita, un ritorno o una fregatura, so che avevo voglia di scrivere e l'ho fatto, ho voglia di dire altre cose e spero di trovare il modo e la capacità espressiva per farlo.
      Un abbraccio a te e a chi tornerà o arriverà qui, sulla mia isola.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  2. Scusa mi sono dimentica di firmare. Uvsdoc

    RispondiElimina
  3. Purtroppo le "donne" o "femmine" qual si voglia ancora nel 2015 dar loro importanza,sono e resteranno ahimè solo riempibuchi,purtroppo niente potrà mai farmi cambiare pensiero.Buongiorno Guardiano e ben ritrovato.
    Nunù.

    RispondiElimina

Non saranno pubblicati:

* messaggi non inerenti al post
* messaggi totalmente anonimi (cioè senza nome e cognome o pseudonimo)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee


Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio (potete rispondere in calce al commento a cui volete fare riferimento)
Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.