Pagine



MI PRENDERO' CURA DI TUTTI I TUOI SOGNI


VIOLENZA VERBALE






Inizio a provare una sorta di insofferenza fisica sempre più forte, pesante, marcata, contro l'uso della violenza verbale, fatta a mezzo social network.

Sta diventando ormai una moda l'offesa pesante e greve, che ha 'forse' l'obiettivo di promulgare un'idea, ma che probabilmente ha il solo scopo di aggiungere un like al proprio post su facebook e compagnia cantata.

Io sono nato in un'epoca ormasi lontana e stato abituato al dialogo, allo scambio di idee, ad un idea gandhiana del rapporto tra persone, una conversazione fatts anche di confronti duri, aspri, senza mezzi termini, ma di sicuro non mi sono mai permesso di offendere personalmente qualcuno in modo inutile, vivendo tra l'altro l'impunità del web.

Davvero quindi non riesco a dare un senso a certi post che incitano alla violenza senza mezzi termini, non so farmi una ragione di chi sbatte la faccia di un giudice sotto una coltre di offese, solo perché una sentenza non gli garba, trovo inaudito che gruppi di persone siano additate come il male, a prescindere. A me tutto questo fa ribrezzo.

A me, se una cosa non piace, la dico alla persona in questione o comunque faccio in modo la notizia gli arrivi in maniera diretta e precisa, ne discuto e certamente non gli auguro tutti i mali del mondo o incito alla sua fustigazione a mezzo web. Io, e probabilmente sono io quello sbagliato, cerco di portare avanti le mie opinioni, il mio punto di vista e di sicuro non spero nel dolore altrui.

Ma questa delle offese ormai è diventata una moda, che tra le altre cose si alimenta da se e dove tutti ormai fanno a gara a chi la spara più grossa. 

Ecco allora epiteti che vanno dalla TR..A a ZOC...A per la Boldrini, che può non piacere per quello che dice, ma non credo che per questo debba venire offesa in questo modo. Oppure l'incitazione a punire fisicamente la giudice, che applicando una legge che è di sicuro deprecabile, ha condannato un tabaccaio a risarcire i parenti del ladro che lo stava derubando, con il solo effetto immediato di aver visto la sua faccia seppellita sotto parole di odio indescrivibili ed il procon questo tipo di esempi potremmo continuare ancora all'infinito.

Però per me adesso è giunto il momento del punto fermo, personalmente trovo che la cosa sia ripugnante, parere personale ovvio, ma sulla base di questa mia idea d'ora in poi darò poco credito a chi scrive odio e chi fomenta odio con un retwit o una condivisione di post inutilmente volgari, offensivi o che incitano alla violenza.

È una scelta, sono d'accordo che ognuno fa del proprio profilo social ciò che vuole, ma io non mi sento di dare nessun credito a chi persegue questa strada, è una via che non mi appartiene e a cui non voglio dare nessun credito o appoggio, anche involontario.







4 commenti:

  1. Rispondo perché questo post è per me.
    Io condivido spesso questo genere di post con due intenti. A volte è per mostrare il fatto che in parte condivido nei contenuti, non nell'insulto, in parte per mostrare l'insofferenza a cui ci ha portato la mancanza di attenzione da parte delle istituzioni. So benissimo che il giudice ha solo applicato leggi fatte da altri. Diciamo che il cittadino non si sente tutelato da queste norme. Diciamo pure che invece di dare la precedenza alla legge sulle coppie di fatto, sarebbe prioritario rivedere norme che al giorno d'oggi, alla luce di quanto avviene nel nostro paese? Io non insulto nessuno, condivido quello che altri hanno scritto per far capire il loro disagio, che condivido in pieno, sui termini con cui si esprime una persona, in questo contesto, non mi sento di giudicare, non sapendo il pregresso di tale essere umano.

    RispondiElimina
  2. Innanzitutto mi scuso per il ritardo di alla risposta, di solito sono più solerte, ma oggi è stata una giornata incasinata.

    Ci tengo a precisare una cosa,questo post non ha un 'bersaglio' ma vuole colpire quella che ritengo sia una deriva dei social network.

    Io non ce l'ho con chi si ribella, chi ha un'idea diversa dalla mia, sono però arrabbiato con chi fa della violenza inutile e gratuita la propria bandiera. È qualcosa che non sopporto più, anzi che non ho mai sopportato.

    Le parole non sono aria fritta, fanno male, offendono, creano insofferenza, ed è per questo che non sopporto quest'atteggiamento, non lo ritengo corretto e non lo tollerò.

    P. S. Non so chi ha risposto perché manca la firma, ma non ce l'ho davvero con nessuno nello specifico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa, ogni tanto dimentico che qui non è Wa o fb. Mi firmò. Chicca

      Elimina
    2. Io credevo fosse qualcun altro....

      Elimina

Non saranno pubblicati:

* messaggi non inerenti al post
* messaggi totalmente anonimi (cioè senza nome e cognome o pseudonimo)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee


Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio (potete rispondere in calce al commento a cui volete fare riferimento)
Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.