Pagine



MI PRENDERO' CURA DI TUTTI I TUOI SOGNI


KISS THE RAIN



DEDICA DOPO ANCHE LA GIUSTA ATTENZIONE AL VIDEO, LA SCELTA NON E' CASUALE, I GIRASOLI SONO UN FIORE STUPENDO E MOLTO AMATO KISS THE RAIN


Quante sono le persone che abbiamo incrociato durante l'arco della nostra esistenza? decine, forse centinaia di migliaia. Con la gran parte di esse abbiamo scambiato solo una parola mentre facevamo insieme la coda all'ufficio postale oppure aspettavamo che ci consegnassero la pizza da asporto. Con molti altri abbiamo invece condiviso un pezzo di strada, vita quotidiana fatta di gioie e di dolori, persone che hanno in qualche modo segnato o comunque cambiato il nostro modo di essere. E' così, tutte le esperienze che viviamo ci trasformano, forse in minima parte, ma lo fanno. Ognuno di noi viene segnato da un dialogo, un sorriso, un pugno in pieno stomaco, forse non stravolgono il nostro carattere "questi passeggeri" ma una traccia impercettibile di loro in noi rimane.

Poi ci sono quelli che loro malgrado, sono e saranno una presenza costante nella nostra vita e tu nella loro. I genitori, i figli, i parenti tutti, coloro a cui ti rivolgi quando hai bisogno di un aiuto, uomini e donne per le quali devi esserci sempre e comunque. E infine abbiamo quelle pochissime persone che desideri siano per sempre con te, coloro che tu vuoi ardentemente, con ogni tua forza che ci siano. Gli amici di una vita, la donna che ti ha rubato il cuore, tutti coloro che ti entrano a tal punto dentro che a loro senza nessuna premeditazione dedichi un pensiero la sera prima di chiudere gli occhi e te li ritrovi li, il mattino seguente, che ti aspettano al risveglio.

Eppure ci sono volte in cui anche loro escono per un qualche motivo dal tuo quotidiano e a quel punto i giorni diventano una sequenza numerica, una fila interminabile di ore e di minuti, una ridda di situazioni che vivi senza nessuna allegria. Ti ritrovi la testa piena di pensieri, scansi una macchina, acquisti una maglia o semplicemente fai la spesa per nutrirti e ti rendi conto che sistematicamente stai cambiando faccia anche cento volte in una giornata, mettendo su un sorriso vuoto, e lo indossi come un abito ad uso e consumo dei "passanti" che stai incontrando lungo il tuo percorso di vita. In quei momenti tante domande ti salgono alla gola, "ma io avrò avuto una qualche importanza? era un sorriso vero o solo una finta quello che mi veniva dedicato? perché non ci sei più?".

Sono dubbi e porsi delle domande di per se è già un bell'esecizio, sono certo che solo lo stolto vive di verità ferme e inviolabili, la persona curiosa è quella che anela a migliorarsi sempre. Ma in questo caso le domande hanno una funzione diversa, devono scuoterti fino alle fondamenta dell'anima, riguardano la vita. Queste domande, quando te le poni, servono a risvegliarti da un sogno, sono qualcosa che sa di una tristezza infinita e che ti vela gli occhi al solo pensiero. E' così bello desiderare una presenza, è dolce a tal punto che ti dona una forza che non sapevi di avere, risveglia delle capacità nascoste che in altre circostanze non riesci a tirare fuori. La magia che a volte si crea quando si ha a che fare con i pilastri di un'esistenza è qualcosa di raro e non potremmo chiamarla magia se fosse così con tutti, non sarebbero pilastri se ogni passante avesse la capacità di sollecitarci a tal punto.

La maggior parte degli uomini e delle donne passano, qualcun'altro invece sarà sempre con te, ma smontare un pilastro e far reggere la struttura che hai creato è un'operazione di alta ingegneria, che ha bisogno di tanta forza d'animo e di una voglia di vivere fuori dall'ordinario, una forza che io ancora non ho trovato dentro perché so quanto è terribile rinunciare a chi ami.

Vedi navigante, ricorre in questi giorni l'anniversario di un evento tragico, uno di quei lutti improvvisi che ti rubano una persona speciale, un amico con il quale ero cresciuto e con cui avevo condiviso tanti momenti di banale diverti mento. La morte è una brutta bestia, non ti concede la possibilità di poter fare domande, di poter dire "lo sai, ti voglio bene" e la cosa più triste è che te ne rendi conto dopo, hai sottinteso o omesso ed è tremendamente amaro avere in gola ancora qualcosa da dire. La morte è un evento che non lascia nessuna possibilità di riscatto, ma lui adesso sopravvive grazie all'amore di chi lo ha conosciuto e se ancora oggi a distanza di quasi vent'anni è ancora nel nostro cuore, vuol dire che non è ancora morto, che abbiamo fregato la sua scomparsa.

La musica che ascolti come sottofondo ha un titolo bellissimo e che con un sussulto di fantasia ho rubato per dare il titolo al post di oggi "kiss the rain". Credo che effettiva mente nel momento in cui ti trovi con il viso bagnato dalle calde lacrime e dalla fredda pioggia, come nella foto del post di qualche giorno fa, quando l'acqua che hai addosso non ti bagna, ma scorre, forse in quel momento potrai rinunciare a un pilastro per il resto della tua vita.

Un'ultimo piccolo pensiero navigante, se puoi non avere mai pudore dei sentimenti, chi hai di fronte a te in questo preciso istante, tra poco potrebbe non esserci più.

MUSICA DI SOTTONDO:

KISS THE RAIN: Yiruma

2 commenti:

  1. Il vostro amico è il vostro bisogno saziato. È il vostro campo che seminate con amore e mietete con riconoscenza. Ed è la vostra mensa e il vostro focolare. Perché andate da lui con la vostra fame, e da lui rivolgete il vostro bisogno di pace.
    Quando il vostro amico si confida con voi, non abbiate timore a dirgli "no", e non esitate a dirgli "si".
    E quando è silenzioso il vostro cuore non cessi di ascolatre il suo; perché, senza bisogno di parole, nell'amicizia tutti i pensieri, tutti i desideri, tutte le speranze nascono e sono condivise, con inesprimibile gioia.
    Quando vi separate dal vostro amico, non rattristatevi; perché ciò che più amate in lui può diventare più chiaro in sua assenza, come per lo scalatore la montagna è più nitoda se vista dalla pianura.
    E non ci sia altro scopo nell'amicizia se non l'approfondimento dello spirito.
    Perché l'amore che cerca altro dallo schiudersi del proprio mistero non è amore, ma una rete lanciata in avanti che cattura solo ciò che è vano.
    E date il meglio di voi stessi per l'amico.
    Se deve conoscere il riflusso della vostra marea, fate che ne conosca anche la piena.
    Poiché che amico è il vostro, per cercarlo solo nelle ore di morte?
    Cercatelo sempre nelle ore di vita.
    Perché lui può colamre il vostro bisogno, ma non il vostro vuoto.
    E che nella dolcezza dell'amicizia ci siano sempre risate, e piaceri condivisi.
    Perché nella rugiada delle piccole cose il cuore trova il suo mattino, e si ristora.(Kahlil Gibran)

    RispondiElimina
  2. "Di solito quando finisce il trantran quotidiano
    la mia fantasia mi trasporta oltre l'ambiente
    in cui vivo,
    comincio a immergermi in un mondo dove tutto è pacifico,
    un mondo dove tutti sono pieni di comprensione,
    sono i miei sogni ad occhi aperti,
    e dove nessuno arriva per contrastarmi."

    Questo era il rifugio di un amico speciale,
    e un giorno mi ha permesso di entrare,
    sapendo bene che poi bisogna tornare alle fatiche e problemi di tutti i giorni.
    Una amicizia vera è rara da trovare,ma quando
    l'hai trovata, rimane 'sempre',anche con un' ombra triste nel cuore .
    una carezza dovunque tu sia
    nonnina

    RispondiElimina

Non saranno pubblicati:

* messaggi non inerenti al post
* messaggi totalmente anonimi (cioè senza nome e cognome o pseudonimo)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee


Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio (potete rispondere in calce al commento a cui volete fare riferimento)
Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.