Pagine



MI PRENDERO' CURA DI TUTTI I TUOI SOGNI


DAFNE e SAMUELE






DAFNE è piccolina, minuta, calma, capace di rimanere seduta allo stesso posto per ore intere senza quasi parlare, potresti anche dimenticarti che esiste tanto è buona e silenziosa. Un gioiellino.


SAMUELE ha una duplice personalità. Una belva scatenata all'interno del suo habitat naturale, molto più simile a Dafne quando si trova in pubblico. Ci sono persone che ammettono, ancora oggi dopo mesi di frequentazione quotidiana, di non conoscerne il timbro della sua voce.


DAFNE è carina, ed è in tutto e per tutto simile alle sue coetanee, con cui lega volentieri e ne condivide le passioni, anche se in maniera meno irruenta, anzi è quel che si suol dire la tranquillità fatta persona.


SAMUELE è carino ed oltremodo affettuoso con tutti, pronto a regalare segni tangibili di affetto con slanci inimmaginabili. Lega immediatamente con tutti e con tutti trova punti d'incontro. Ha le stesse passioni dei suoi coetanei e qualcuna in più che ha mutuato dal padre.


Dafne e Samuele hanno la stessa età, circa tre anni e frequentano insieme l'asilo. Li vedono quasi sempre vicini e già li hanno bollati come "fidanzatini". Fin qui niente di speciale penserai naufrago, una storia come tante, come se ne vedono un pò ovunque, così comune da non fare nemmeno più tenerezza. Ed avresti anche ragione, se non fosse per gli occhialini rosa che Dafne è costretta ad indossare, ma che non riescono a migliorare la sua vista, fatta di ombre e tenebre. Una terribile malattia ha minato uno dei suoi sensi in un modo gravissimo.

Samuele non è ovviamente conscio fino in fondo della gravità della situazione, ma le vuole a prescindere e le è sempre vicino e siccome è anche grandicello per la sua età, quando può l'aiuta e la protegge se necessario.
Dafne e Samuele hanno legato per davvero e se uno dei due manca all'asilo l'altro/a si preoccupa.


Questa storia vera si svolge ogni giorno, dal lunedi al sabato ed è la prova che l'essere umano peggiora la sua condizione crescendo, perchè da piccoli non ci creiamo mai nessun tipo di barriera. Le sovrastrutture mentali sono degli adulti e ci fanno vivere nel mondo dei "grandi" avendo rispetto del handicap, ma a debita distanza.

E' sempre il solito discorso del politicamente corretto.
L'aiuto tangibile è bene che lo facciano gli altri perchè io adulto devo produrre e quindi per le persone in difficoltà ci sono i giovani sfaccendati che si devono dare da fare con il volontariato, al massimo io adulto mi posso indignare se le cose non funzionano, sprecando così comunque un minuto del mio preziosissimo tempo, perchè io adulto ho un lavoro al quale sono indispensabile. Io adulto mi sa che sono anche un pò strnz.

E allora viva Samuele e i bambini come lui, voglio rimanere per sempre il fanciullo, anzi "l' immaturo" che sono oggi, per sperare in un mondo diverso e fare qualcosa perchè esso esista e lo so che tutto ciò è per sognatori o folli, ma a me va bene così anche perchè non ho ancora capito bene a quale delle due categorie appartengo di più.
Sempre di più però si fa largo in me l'idea di mettere a frutto le mie conoscenze tecniche, aiutando così chi ne ha bisogno. La strada è ormai segnata e non avendo altro tipo di legame, aspetto solo che la mia progenie diventi adulta per dare corpo al mio destino.

Samuele è un esempio che devo seguire, un bimbo di 3 anni che ha molto da insegnare a un uomo di 42 su come si può volare alti con le ali dell'innocenza e dell'amore.


SAKINEH NON DEVE MORIRE



Se questo post ti è piaciuto, esprimi il tuo gradimento votandolo su PAPERBLOG.IT clicca qui



HOME PAGE clicca qui






4 commenti:

  1. Quanto e quanto dobbiamo imparare da questi bambini!....lo scopro ogni giorno e , se possibile, in soli tre anni, mi sento una donna migliore di prima. Tutte le mattine riesco a guardare il ciel,o non per capire il tempo che fa, ma per coglierne le sfumature dei colori...e solo grazie al mio piccolo uomo.
    Grazie Guardiano, bellissimo post.

    RispondiElimina
  2. Io ho solo scritto una storia vera, il grazie va a Dafne e Samu, a tuo figlio e i suoi amichetti, a tutti questi bambini che ci insegnano a vedere il mondo nel verso giusto

    RispondiElimina
  3. P. S. ricordo Laura un tuo vecchio post con la stessa foto, ne sono quasi certo, ma pur avendo a mente questa cosa ho deciso di usarla lo stesso, è a mio avviso perfetta

    RispondiElimina
  4. ...sarò strana forse io ma una lacrima è scesa, bellissima storia guardiano... Speriamo che ognuno di noi trovi in se quel piccolo Samuele che a quell'età era in tutti noi...

    RispondiElimina

Non saranno pubblicati:

* messaggi non inerenti al post
* messaggi totalmente anonimi (cioè senza nome e cognome o pseudonimo)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee


Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio (potete rispondere in calce al commento a cui volete fare riferimento)
Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.