Pagine



MI PRENDERO' CURA DI TUTTI I TUOI SOGNI


IO SONO DIO




Tranquillo naufrago, non mi sono montato la testa dopo i complimenti di venerdì scorso a tal punto da credermi supremo e infallibile, il titolo del post di oggi è soprattuto quello del libro di Giorgio Faletti che sto leggendo in questi giorni.

Sapendo che prima o poi si sarebbe di nuovo liberata la voglia di leggere, esigenza vitale che si era semplicemente nascosta dentro di me, avevo fatto per tempo incetta di libri dei miei autori preferiti. Ho ripreso con questo tomo, che al momento non sta deludendo le mie attese.

A pagina 98 c'è un passaggio che mi è piaciuto moltissimo ed è una favola di uno dei popoli nativi d'America più famosi in assoluto i cherokee, te la riporto qui di seguito. L'ho scritta copiandola paro paro, scoprendo solo dopo che era già disponibile sul web, farò più attenzione in futuro.

Credo che sia da leggere e da meditare

Si narra di un vecchio Cherokee seduto davanti al tramonto con suo nipote.
"Nonno, perchè gli uomini combattono?"
Il vecchio, gli occhi rivolti al sole calante, al giorno che stava perdendo la sua battaglia con la notte, parlò con voce calma.
"Ogni uomo, prima o poi, è chiamato a farlo. Per ogni uomo c'è sempre una battaglia che aspetta di essere combattuta, da vincere o da perdere. Perchè lo scontro più feroce è quello che avviene fra i due lupi."
"Quali lupi nonno?"
"Quelli che ogni uomo porta dentro di sé."
Il bambino non riusciva a capire.
Attese che il nonno rompesse l'attimo di silenzio che aveva lasciato cadere fra di loro, forse per accendere la sua curiosità. Infine, il vecchio che aveva dentro di sé la saggezza del tempo riprese con il suo tono calmo.
"Ci sono due lupi in ognuno di noi. Uno è cattivo e vive di odio, gelosia, invidia, risentimento, falso orgoglio, bugie, egoismo."
Il vecchio fece di nuovo una pausa, questa volta per dargli modo di capire quello che aveva appena detto.
"E l'altro?"
"L'altro è il lupo buono. Vive di pace, amore, speranza, generosità, compassione, umiltà e fede."
Il bambino rimase a pensare un istante a quello che il nonno gli aveva appena raccontato. Poi diede voce alla sua curiosità e al suo pensiero.
"E quale lupo vince?"
Il vecchio Cherokee si girò a guardarlo e rispose con occhi puliti.
"Quello che nutri di più."


SAKINEH NON DEVE MORIRE


Se questo post ti è piaciuto, esprimi il tuo gradimento votandolo su PAPERBLOG.IT clicca qui



HOME PAGE clicca qui

9 commenti:

  1. Splendida metafora. Se dici che sei dio non ti monti la testa. Tutti abbiamo dio in noi, la scintilla divina. Come la favola che hai proposto se lo nutriamo uscirà fuori con il suo amore e l'altro sarà per sempre sconfitto. Altrimenti....
    Grazie

    RispondiElimina
  2. Ciao I am , nn sai quanto hai ragione :-P, lui ce l'ha davvero un dio , ma nn in testa . ahahahahahahah

    RispondiElimina
  3. Ops mi preoccupo, dove ce l'ho il Dio? :-)

    RispondiElimina
  4. Ma và che vai a pensare ?? Come si dice quì in sicilia " a testa sempre o cacio hannu " !!
    Ma nel nome , no ?!?

    RispondiElimina
  5. Nel nome di Dio? Certo tutti andiamo nel nome di DIO, è lui che ci ha DATO la vita :-)
    sssssssshhhhhhhhhhhhhhh

    RispondiElimina
  6. Complimenti come sempre sai emozionare chi ti legge e cerca in quel che legge un messaggio da fare suo. Oggi seguirò questo messaggio ,nutrirò il lupo buono xchè alla fine io ne sono convinta il bene vince sempre sul male !Grazie guardiano come sempre ci azzecchi !Anna

    RispondiElimina
  7. Le emozioni sono negli occhi, nella mente e nel cuore di chi è capace di coglierle.
    Grazie a te della tua amicizia, del tempo che le dedichi e di quello che sei.
    Un bacio e faccio sempre il tifo per te.

    RispondiElimina
  8. il vecchio che aveva dentro di sè la saggezza del tempo...
    condivido il rispetto per i 'capelli bianchi'
    che gli indiani avevano per i loro saggi....
    io imparo tanto da loro e mi danno tante risposte ...che mi aiutano a dare a mia volta risposte alle mie bambine....
    nonnina

    RispondiElimina

Non saranno pubblicati:

* messaggi non inerenti al post
* messaggi totalmente anonimi (cioè senza nome e cognome o pseudonimo)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee


Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio (potete rispondere in calce al commento a cui volete fare riferimento)
Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.