Pagine



MI PRENDERO' CURA DI TUTTI I TUOI SOGNI


COLLEZIONE SOLARE 2011 - Di notte




PRIMA PUBBLICAZIONE MARZO 2011


La macchina ha percorso i chilometri che mi separavano da qui dolcemente. Avevo tutta l'intezione e l'intimo desiderio di godermi la strada, di percorrerla senza l'ansia di dover arrivare, solo con la voglia di farlo.

Il posto per parcheggiare l'auto è sempre lo stesso da anni, tra le giostrine e lo scheletro dello stabilimento balneare. Tra poco meno di un mese cominceranno a montare la cabine, che per ora sono stivate nella sala e da quel momento in poi questo luogo riprenderà vita poco alla volta, prima solo di giorno e poi sino a sera tarda. 
Addio pace, addio silenzio. 

Già il silenzio, nel richiudere la portiera devo aver dato fastidio a quel grosso cane che dormiva serenamente. Ha dischiuso gli occhi, alzato leggermente la testa per vedere di chi si tratta, si è riaddormentato subito senza dare né peso, né importanza alla mia presenza. 
Senza saperlo, si è solo aggiunto ad una sconfinata schiera di persone che la pensano come lui. Peggio per loro.

E' davvero una serata bellissima, il primo vero sabato di primavera si sta concludendo in una maniera splendida.
La temperatura è mite. La luna non è piena, ma si vede bene nel cielo. Il mare è stranamente pulito per questo periodo dell'anno. 
Sento sotto la piante dei piedi la sabbia umida, forse addirittura bagnata e mi accorgo di quanto mi mancava passeggiare a piedi nudi vicino al mare. Per fortuna sta tornando stabilmente il bel tempo, questo è un regalo che mi devo fare più spesso quest'anno.

Una, due, tre, infinite volte il mare si riversa sulla riva. 
Sciack, sciack, sciack, questo è l'unico suono che riesco a sentire, gli altri li ho "mentalmente esclusi", per me non esiste null'altro al mondo. Siamo solo io e il mare e  voglio godermi fino in fondo l'essenza vera della mia natura. Fermo, immobile, mi lascio penetrare da questa brezza marina, sento la salsedine che si appoggia sul viso, che mi spacca le labbra, adesso sono davvero in pace con me stesso e con il mondo, nulla mi può turbare.

Anni fa, ormai tre per la precisione, mi dissero che per superare un dolore, per mettere una riga su una delusione e passare oltre, un buon metodo è quello di scavare un fosso in riva al mare e seppellirvi una pietra, quasi come se fosse un simulacro della propria sofferenza. Metterla sottoterra per nasconderla al mondo e a se stessi.
Sono qui e ripenso a quelle parole, a quante parole si dicono nella vita e a quante poi per davvero si danno seguito. A questo punto mi sa che dovrei scavare una buca da qualche parte, ma potrei correre il rischio di trovare un sasso con il nome sopra, meglio lasciare il mondo così com'è. 
Sono in una fase della vita in cui non ho nessuna voglia di discutere con nessuno, tranne che con me stesso, che non vuol dire acquiescenza, ma solo la voglia di stabilizzare una serenità a lungo inseguita, fatta di piccole cose, anche di qualche rinuncia, ma di certo semplice.

Però che bello il mare di notte, mi ricarica, mi rigenera e soprattutto mi fa sentire vivo.

Ben tornata primavera.




SAKINEH NON DEVE MORIRE


1 commento:

  1. Provo una sana invidia per quelli come te... che quando vogliono.... con un viaggio di pochi km possono raggiungere il mare.
    Non che il "mio" sia lontano, ma in qualsiasi direzione decida di andare ci vogliono sempre quelle 2 orette e mezza abbondanti...che si... anche con la mia guida molto sportiva ;) .... insomma ... non e' proprio agevole! :))
    Anche la parola e' bella... MARE....aggiungi una A e diventa AMARE.
    Non e' fantastica??!!
    Il mare mi piace sempre... in tutte le stagioni... ma quello che preferisco e' quello dei mesi freddi o primaverili... quando sulle spiagge non c'e' nessuno... o al massimo qualche esaurito come noi ;))
    Ecco... quello e' il mare che io amo.
    Mi fa sentire bene.
    "Sciabordio, sciacquio... dolci rumori... " direbbe D'Annunzio.
    Mi ritempra. La brezza fredda carica di iodio mi da' la carica.
    Stare sola... con me stessa e il mare...alla deriva, assorta nel suono "ripetitivo e mai uguale" delle onde che s'infrangono sulla spiaggia o sugli scogli.
    Mi induce alla riflessione quando e' calmo.... mi scatena tutto un mondo quando e' in tempesta... quando e' mosso... arrabbiato... spumoso... quando l'onda la senti sbattere dentro... e' piu' affine al mio essere.
    Guarda Guardiano... ti invidio... ti invidio proprio.... :))
    spero solo che un giorno... scavando nella sabbia con un dito nella ricerca di qualche conchiglia... di non trovare mai un sasso con scritto il mio nome!! :))))))
    Mi sa tanto di macumba..... :)))))))))
    CIAOOOOOOOOOO

    Eretica

    RispondiElimina

Non saranno pubblicati:

* messaggi non inerenti al post
* messaggi totalmente anonimi (cioè senza nome e cognome o pseudonimo)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee


Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio (potete rispondere in calce al commento a cui volete fare riferimento)
Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.