Pagine



MI PRENDERO' CURA DI TUTTI I TUOI SOGNI


COLLEZIONE SOLARE 2011 - L'amore porta dolore? prima parte




PRIMA PUBBLICAZIONE APRILE 2011


Non ci aveva più messo piede in quella casa per vent'anni, ma era tutto nello stesso ordine in cui lo aveva lasciato il giorno in cui si era chiusa alle spalle la porta d'ingresso. Una sola persona vi aveva acceduto in tutto quel tempo, la donna delle pulizie, che per tre giorni la settimana aveva disposizione di mantenerla in ordine e pulirla, cambiando costantemente le lenzuola a tutti i letti, dandole l'aspetto di una casa ancora abitata e per lei era comunque ancora così. Non voleva che morissero i ricordi degli anni belli che vi aveva trascorso e così l'aveva come cristallizzata nell'attimo prima in cui lei era morta.

Vi era cresciuta in quella casa diventando una donna, una vera Donna di quelle con la D maiuscola. Doveva riconoscerlo, l'aveva tirata su bene e le mancava terribilmente, più di quanto fosse capace di concpire. Ogni giorno le rivolgeva un pensiero e adesso si rendeva conto di quanto ancora poco fosse rispetto al dolore che  serbava dentro di se.
In pratica erano maturate insieme, una troppo piccola per essere madre e l'altra troppo sveglia per essere solo figlia, ma l'amore vero che le aveva portato lo aveva compreso nella sua totalità solo dopo e aveva capito fino in fondo quei sorrisi tristi e i pianti silenziosi di una donna rimasta per troppo tempo da sola, legata chissà perchè a quell'uomo che lei era costretta a chiamare papà, incapace di farsi amare da tutte e due, sempre ai margini della loro vita.

Era morta troppo velocemente o almeno a lei così era sembrato, non si era mai resa conto prima della gravità della malattia della madre e quanta sofferenza le causava, finchè non era giunta la fase terminale. Non è provato che ci sia una correlazione tra una sofferenza dell'anima e "la malattia", ma lei era convinta che fosse così e si era vendicata di chi quel dolore lo aveva causato.
Non ci aveva messo molto ad entrare negli affari di famiglia e a farli diventare i suoi affari. Anzi all'inizio il padre sembrava contento di averla con se e la soddisfazione era così stata maggiore, quando lui rendedosi conto di essere diventato un semplice firmacarte, le aveva chiesto spiegzioni. In quel momento lo aveva guardato negli occhi e aveva pronunciato solo il nome della madre. 
Non aveva capito il suo sguardo, si aspettava urla e maledizioni, aveva invece avuto solo un silenzio. Si vede che era ancora meno uomo di quello che credeva, ma era finalmente contenta di vederlo soffrire della stessa sofferenza della mamma.
Però anche in quel momento non se l'era sentita di tornare lì, sapeva che la madre non avrebbe condiviso il motivo della gioia e assaporò il gusto dolce dell'avvenuta vendetta in solitudine. 

Oggi però aveva bisogno di lei, del suo supporto, il motivo per cui era lì aveva un nome e un cognome ed era più destabizzante di quanto avesse mai potuto immaginare. 
Si era innamorata ed era impreparata davanti a quest'evenienza, non sapeva come comportarsi.


CONTINUA .........


SAKINEH NON DEVE MORIRE

2 commenti:

  1. I am looking for some different views of this topic then I found your post. There is really something new ideas to learn in your post. I never thought of that this way. Now I am able to add more to this topic. Thanks for posting. I have bookmarked your post and I will come back to learn your future views.

    RispondiElimina
  2. Innanzitutto rispondo in italiano, perchè incapace a esprimermi in inglese, anche se ho compreso il senso del commento precedente grazie al traduttore.
    Il mio è un semplice racconto, che si conclude a questo indirizzo

    http://aguardiadelfaro.blogspot.com/2011/08/collezione-solare-2011-lamore-porta_22.html

    Mi farà piacere ritrovarti e scambiare altre opinioni con te in futuro. Ben arrivato o arrivata tra di noi

    RispondiElimina

Non saranno pubblicati:

* messaggi non inerenti al post
* messaggi totalmente anonimi (cioè senza nome e cognome o pseudonimo)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee


Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio (potete rispondere in calce al commento a cui volete fare riferimento)
Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.