Pagine



MI PRENDERO' CURA DI TUTTI I TUOI SOGNI


COLLEZIONE SOLARE 2011 - In un attimo




PRIMA PUBBLICAZIONE  MAGGIO  2011


E' successo tutto così in fretta, che riuscire a rimettere insieme i frammenti di memoria, necessari per ricordare i fatti, è davvero un'impresa.

Ci proverò.

All'inizio, di certo, è mancata l'aria, ma non lentamente e creando quindi quel senso di soffocamento che prende alla gola e ti fa strabuzzare gli occhi. No, è semplicemente andata via, quasi che non ci fosse mai stata, che non fosse mai servita a nulla, come se il respirare fosse da sempre un'operazione inutile.

Poi, pian piano, una sinfonia celestiale si è propagata nell'aria e si è fatta largo dentro di me. Un suono come non ne avevo mai udito prima e che onestamente non saprei come definire, forse perché suonato da uno strumento così dolce, che ne sono certo, l'uomo non ne ha ancora inventato uno simile. 
Ecco, spontaneamente, in quell'istante, mi sono ritrovato a pensare al tempo di musica, come se tutto fosse sinfonia e il ritmo si faceva estasi dentro di me.

Il cuore. 
Ecco, il cuore è partito sparato, con le pulsazioni che sono schizzate in alto velocemente, andando così subito fuori giri e io che sono abituato di mio agli attacchi di tachicardia, io che so sempre come comportarmi in questi frangenti, per rimettere le cose in ordine, io sono rimasto immobile, per nulla impaurito per ciò che stava succedendo, piacevolmente imbambolato e beato come non mai.

Di sicuro, sulla mia faccia si era disegnata un'espressione che doveva essere tutto un programma. Se in quell'istante avessi avuto uno specchio a mia disposizione, avrei scoperto sul mio volto qualcosa di nuovo, perché so di non aver mai visto nulla, che fosse lontanamente paragonabile, a ciò che mi stava passando davanti agli occhi in quell'istante.

Lei era lì, davanti a me e non stava camminando, così come farebbe ogni essere umano, anche perché li ho visti bene i suoi piedi, che erano ad almeno 10 cm dal terreno e mi sono resoconto ogni passo che muoveva, era come se calpestasse delle nuvole.
Niente in nel suo corpo dava l'impressione che stesse camminando, nulla si scomponeva, mentre procedeva per la sua strada. Era marmorea.

Eh si, questa era la verità. Doveva essere davvero stata scolpita nella pietra da un artista geniale, perché certamente la natura non è in grado di disegnare delle curve così perfette. Solo l'uomo può, ma con l'aiuto di un compasso e questa doveva essere la cruda verità, quella donna non esisteva e io stavo solo condividendo il frutto di una stupenda fantasia.

Una visione del genere, non poteva che essere innaturale, tale era la perfezione e l'armonia che esprimeva.

Ma la cosa devastante, era lo spettacolare volto che portava in giro con estrema eleganza. Sorrideva al mondo senza volgarità, conscia della propria bellezza e forse anche per questo non ostentava inutili accessori, che l'avrebbero imbruttita.
Il suo sguardo, da solo, bastava ad illuminare l'aria che la circondava, quasi come se fosse un nuovo sole  sceso in terra a riscaldare il cuore degli uomini che incrociava. 

Quanto tempo sarà trascorso in tutto? Trenta, forse quaranta secondi, ma sono stati sufficienti per farmi elevare gli occhi al cielo e a Dio un sentito ringraziamento, per avermi mostrato ancora una volta una prova della sua esistenza e della sua potenza.


Ti starai chiedendo il perché di questo inutile post? Che te ne frega a te, se io ho visto una bella donna? 
Vedi naufrago, è da un po' di tempo, che voglio rivendicare "il diritto allo sguardo". La possibilità di poter osservare, senza nessuna malizia o pensiero volgare, le donne che incrociano il mio cammino.
A me, non me ne fregava niente dell'intimo che poteva indossare quella donna in quell'istante e nessuna pruderie mi è passata per la mente, ed è per questo che non ci vedo nulla di male, se davanti a chi esprime  fascino o bellezza, io mi perdo per un solo secondo.

Condanno fermamente ogni forma di volgarità inutile, ma davanti ad un dono di Dio, io mi perdo, lo ringrazio e non me ne vergogno. 

Perché sono convinto, che rispettare le donne, vuol dire non offenderle o farlo oggetto di una qual si voglia violenza, ma nemmeno mi sento obbligato a girare la testa da un'altra, solo perché qualcosa di stupendo incrocia il mio cammino.




SAKINEH NON DEVE MORIRE

6 commenti:

  1. mi piace, dal più profondo mi piace:
    Che sollievo sentire descrivere una bella donna da un uomo, senza malizia, senza volgarità, semplicemente con una sorta di arrendevolezza ed ammirazione verso il bello.
    Non vederla comminare, ma fluttuare sospesa è come averla messa su un piedistallo, come a volerla semplicemente e solamente ammirare, per il gusto di farlo senza sottintesi volgari.
    Vorrei domandare alle donne: "Vi è mai capitato?" Credo che la risposta sarebbe un no urlato in coro. Siamo troppo spesso oggetto di apprezzamenti volgari, che non sminuiscono noi ma chi li fa.

    kiksister

    RispondiElimina
  2. lui è un gentil uomo come pochi Kiksister...alla tua domanda???..noooooo :-P

    RispondiElimina
  3. ops ho dimenticato di firmare...Grazia

    RispondiElimina
  4. Animo dolce e nobile...in poco riesci a dare cosi tanto...regali alla donna che ami diamanti ogni giorno!.....SIS <3

    RispondiElimina
  5. Stupenda, stupenda, stupenda descrizione! Ma che te lo dico a fare? Delicata, piena di sensibilità e di stupore per uno spettacolo della natura come può esserlo una bellissima donna. Niente malizia, niente morbosità, nessun pensiero che vada oltre la più profonda ammirazione. Tanto di cappello, Guardiano!
    Per rispondere alla domanda di kik, ho ancora negli occhi l'immagine indelebile di una scena a cui ho assistito tanti anni fa e che la tua descrizione , Guardiano, mi ha riportato alla mente.
    Mi trovavo con la mia famiglia nell'area di sosta di una stazione di servizio sull'autostrada. Vicino alla nostra macchina quella di una signora che viaggiava con sua figlia (suppongo), una bella ragazza giovanissima che era rimasta in macchina con la portiera aperta. A questo punto mi accorgo che un giovane addetto alle pompe di benzina comincia ad osservare la ragazza con un'aria rapita che non avevo mai visto prima, ammirazione pura, mista a stupore per quella che per lui era una visione. Quando poi, in seguito ad un lieve movimento del braccio, la ragazza lasciò, involontariamente, intravedere un seno, piccolo, delicato, che fece capolino dalla canotta leggera, allora estasi assoluta sul volto del ragazzo, che sembrava avesse appena assistito ad una apparizione. Praticamente inebetito, nessun'ombra di volgarità, nè di morbosità trapelava dalla sua espressione.
    Ricordo ancora quanta tenerezza mi fece questa scena! Infatti ogni tanto mi capita di ripensarci e sono passati davvero tanti anni!
    Forse perché scene così non se ne vedono tanto spesso?

    RosaEmme

    RispondiElimina
  6. Sei sicuro di non aver visto la Madonna???? ;-))

    Eretica

    RispondiElimina

Non saranno pubblicati:

* messaggi non inerenti al post
* messaggi totalmente anonimi (cioè senza nome e cognome o pseudonimo)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee


Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio (potete rispondere in calce al commento a cui volete fare riferimento)
Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.