Pagine



MI PRENDERO' CURA DI TUTTI I TUOI SOGNI


COLLEZIONE SOLARE 2011 - Iper, polli di batteria





PRIMA PUBBLICAZIONE FEBBRAIO 2011


Sono una "brutta" persona.

Sono un uomo che ha molte qualità e nessuna della quale è eccezionale, quindi mi ritengo bravo in tutte le cose che mi piacciono, attento quando mi serve e mi sento stimolato a farlo. Praticamente eccello in tutte le inutilità della vita, primeggio nelle scemenze e di contro nelle faccende importanti a volte mi distraggo. Per tutto ciò, sono in pratica una brutta persona.

Sono così strano , che riesco ad abbinare i numeri all'attenzione verso le persone, il cuore al cervello e sono quindi portato ad analizzare sensatamente situazioni che servono a un gran bel nulla, per il solo piacere di farlo.
Sabato scorso mi sono dilettato in una di queste esperienze al limite dell'assurdo, inutile e davvero stupida.


Analisi logica della spesa in un ipermercato, in un sabato di inizio mese.


Mi sono immerso candidamente in uno di quelle spese che ho definito ieri RANDOM, girando tra commesse e sofficini, quando a un certo punto mi sono reso conto che lo spazio vitale a mia disposizione era così limitato che il mio cestino stava limonando duro con un carrello, tanto erano vicini.

Sardine in scatola, anzi no, polli di batteria, ipoteticamente liberi di razzolare, ma senza lo spazio per poterlo fare.
Era talmente tanta la calca, che a un certo punto, se mi fossi anche solo mosso, una signora vicinissima a me, avrebbe potuto pensare che le stavo facendo la mano morta. Mi sono immobilizzato di colpo, ho fatto finta di osservare del cibo indiano in scatola, attendendo che si allentasse un po' la ressa.

Devo essere onesto, un po' me la sono cercata, bastava che mi ricordassi di Battisti che cantava "in un grande magazzino, una volta al mese", fare due più due e capire che doveva essere proprio quello il sabato mattina incriminato, lo stesso che avevo scelto io.
Però mi sono anche reso conto anche di una cosa in quel frangente, che comunque in quell'attività commerciale, appena si superano le 150 persone, lo spazio a disposizione di ognuno diventa davvero poco.
Mi spiego meglio con dei numeri e degli esempi:
  • Il locale è di circa 1.600 mq (40 m x 40 m), fidatevi del geometra che scrive;
  • Nel locale si trovano scaffali, frigoriferi, scatoli per le offerte speciali tra le corsie, reparti di frutta, carne, salumeria e pescheria, i vari depositi;
  • Personale vario che gira con i carrelli motorizzati per sostituire la merce venduta;
  • Poi cassiere, commessi, addetti esterni alla vendita di alcuni prodotti con i loro banchetti, cestini, carrelli, passeggini e tanto altro ancora;
  • Infine, ultimi ma non ultimi, tutti noi che dovevamo dare un senso a quel negozio, i clienti.
Dopo aver fatto questo veloce screening della situazione (ma che parole uso stamattina?), mi sono reso conto che in pratica ad ognuno di noi rimaneva a testa poco meno di un metro quadrato, più o meno quanto ingombra un divano a due posti, ora se fossi stato circondato dalle ultime dieci miss Italia la cosa non mi sarebbe dispiaciuta, ma essere contornato da perfetti sconosciuti dalla dubbia avvenenza, mhhhhhhhhh non è che mi esaltasse tanto (e immagino chi mi aveva vicino a se, cosa avrà pensato).

Scherzi a parte, se ci pensate a quanto spazio abbiamo a disposizione nelle nostre abitazioni, capite quanto è stato stupido scendere di sabato mattina per fare un'inutile spesa, quindi sapete pure che tipo di persona sta scrivendo questo scarabocchio.

Il fatto è, che non è solo la folla che "infastidisce", ma è la tensione che si vive in un supermercato in questi momenti che è difficile da digerire.
Ci sono signore che litigano per il biglietto al reparto salumeria. Non puoi permetterti di urtare nessuno nemmeno per sbaglio, perché partono sguardi carichi di odio. I bambini poi sono tenuti stretti dalla mamma come se fossero al guinzaglio, cosicché poverini, vedendosi costretti all'immobilità piangono e si lamentano e poi ci sono quelli che si lamentano dei bambini altrui che piangono, mentre i propri che sono silenziosi, stanno mettendo a soqquadro l'intero reparto giocattoli, distruggendo le confezioni.

Davvero, quando siamo costretti forzatamente a fare gruppo, i nostri nervi diventano automticamente tesi. Spesso penso che il self control lo abbandoniamo alla corsia dei carrelli, insieme alla 50 cent. Mi sa anche, che una parola sbagliata potrebbe dare facilmente inizio a una mega rissa.

Sabato mattina mi sono ricordato perché preferisco lo sguardo torvo della cassiera alle 20.00, alla spesa pazza del sabato mattina.

Anche perché poi, nei supermercati, nessuno sorride e questo fa calare ancora di più la tristezza in chi ci avventura, ma di ciò ti parlerò la prossima volta................




SAKINEH NON DEVE MORIRE


Nessun commento:

Posta un commento

Non saranno pubblicati:

* messaggi non inerenti al post
* messaggi totalmente anonimi (cioè senza nome e cognome o pseudonimo)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee


Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio (potete rispondere in calce al commento a cui volete fare riferimento)
Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.