Pagine



MI PRENDERO' CURA DI TUTTI I TUOI SOGNI


COLLEZIONE SOLARE 2011 - Introspezione, la domanda





PRIMA PUBBLICAZIONE APRILE 2011



Scrivere un blog è un po' come creare una specie di mondo, un posto che in un primo tempo si cerca di realizzare sulla base dell'immagine che uno vuole dare di se, ma che con l'andare del tempo rivela la vera essenza di chi si cela dietro il monitor di un pc, aderendogli addosso come una seconda pelle.

Tutto ciò è abbastanza normale, è quasi scontato che avvenga questo passaggio perché se si vuole mettere in piazza un personaggio, questa è un'esperienza che non si può procastinare all'infinito, a furia di scrivere ed esternare alla fine viene sempre fuori l'IO più intimo di ogni blogger. Senza dimenticare che non si possono rendere per iscritto e per tanto tempo delle emozioni che non ci appartengono, delle sensibilità a noi sconosciute, parlare di fatti e di circostanze di cui sostanzialmente non sappiamo nulla.

Anche il modo in cui si pone un blogger verso chi l'omaggia della sua attenzione, rivela molto di lui.
Personalmente, quando ho iniziato quest'avventura, ho cercato di far presa mostrando un vocabolario ricco di voci. Spesso però ponevo chi mi leggeva, nella condizioni di chiedersi cosa volevo effettivamente dire, non mettevo il lettore nelle condizioni di capire il mio pensiero. Per fortuna, con il passare del tempo mi sono "calmato" e adesso parlo come mangio, in maniera semplice e diretta, facendo si attenzione a non ripetermi, ma cercando di avvolgere chi mi legge e non di aggredirlo.
Devo anche ammettere che questo è stato un passaggio naturale, ho smesso di mostrarmi e ho iniziato a raccontare ciò che sento, provo e vivo, ma poco alla volta, lo so forse risulto banale, ma non ci posso fare niente, io sono così.
Ecco quindi che torno al concetto di partenza, non costruisco un personaggio, ma racconto l'uomo, pur cercando di non far diventare questo blog un diario personale.

Quest'isola senza nome, questo posto che mi mostra a tutti coloro che non solo vi approdano, ma che decidono di tornare e/o di restarci, mi ha permesso di conoscere tante persone, di perderne di vista delle altre, ma soprattuto di iniziare tante belle amicizie e per ciò mi ritengo fortunato, perché c'è chi è entrato a far parte del mio quotidiano in maniera stabile grazie al blog. Uomini e donne con cui dialogo e mi confronto, persone con  cui riesco a confidarmi e quasi tutte che si raccontano, condividendo con me non solo parte della giornata, ma molti dei loro umori e sentimenti, tormenti e delusioni.

E' una grande fortuna, vivere in un'era tecnologica che ci permette di contattare persone che altrimenti non si sarebbero mai incontrate e io sono orgoglioso delle mie amicizie che sono dislocate lungo tutto lo stivale, da Palermo a Bergamo, da Torino a Messina, Roma, Napoli, Bari e in tantissimi altri luoghi sparsi in giro per l'Italia.

Tutto questo mi è servito anche per dire, che se anche a volte la scelta di "creare" delle rubriche che hanno una cadenza quasi inviolabile, può dare l'impressione di un peso per chi deve fruirne, ecco anche in quei post io ci metto molto di me. Non vi proporrei mai  dei brani musicali che non mi piacciono, non posterei mai foto o video che non conoscono e che non mi suscitano un brivido al solo pensiero.
La scelta di creare questi appuntamenti, non ha avuto di certo avuto come scopo quello di creare una maggiore visibilità al blog, aumentando di fatto la velocità con cui gira il contatore delle presenze, ma è stato un modo per coinvolgere ancor di più chi mi segue, nelle situazioni e nelle emozioni che sento. E' un modo di verso di mostrarmi, utilizzando i mezzi di cui dispongo e che questo blog mi mette in condizioni di avere.

Quest'isola non è uno spazio da riempire, non sempre e non necessariamente di sole parole, è per me un momento di incontro, dove un uomo si racconta e parla di se con altri uomini e altre donne che hanno deciso di fare lo stesso con lui, che credetemi è una soddisfazione di gran lunga maggiore rispetto all'enorme quantità di persone che mi visitano o alle tantissime condivisioni che ogni mio post raccoglie.

Di tutto ciò rendo grazie a voi.



SAKINEH NON DEVE MORIRE



2 commenti:

  1. Come non condividere questa tua riflessione?
    Dici bene.... alla lunga il tuo vero IO viene fuori...e io, che ti leggo da relativamente poco... (anche se ho letto tutto) ho apprezzato la costanza e la coerenza delle tue parole... dei tuoi scritti... dei tuoi post...
    .... la capacita' di dialogo anche con noi naufraghi... la capacita' di ascolto.... il tuo impegno anche nel sociale se cosi posso dire....
    C'e' tutto.... arguzia... intelligenza... profondita' di pensiero...
    Ecco il perche' del tuo "successo" :))))
    Eh gia'... perche' se ci fosse stato solo un palleggiare di ammiccamenti... di battutine pseudo-erotiche e banali convenevoli.... mica saremmo qui ad apprezzarti cosi tanto!!! :))))
    Insomma... va premiata la tua onesta' nel raccontarti....
    Se avessi bluffato... la tua isola sarebbe vuota... e tu passeresti il tempo a lucidare i vetri della lanterna del faro!!!! :)))))

    Eretica

    RispondiElimina

Non saranno pubblicati:

* messaggi non inerenti al post
* messaggi totalmente anonimi (cioè senza nome e cognome o pseudonimo)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee


Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio (potete rispondere in calce al commento a cui volete fare riferimento)
Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.